hp-support-head-portlet

Azioni
Caricamento...
Assistenza clienti HP - Knowledge Base

hp-contact-secondary-navigation-portlet

Azioni
Caricamento...

hp-share-print-widget-portlet

Azioni
Caricamento...
  • Informazioni
    Crea un account HP oggi!

    Connettiti più rapidamente all'assistenza HP, gestisci tutti i tuoi dispositivi da un'unica posizione, visualizza le informazioni sulla garanzia e altro ancora. Per saperne di più

hp-concentra-wrapper-portlet

Azioni
Caricamento...

Notebook HP - Perché i computer generano calore

Una delle domande più comuni ricevute dai produttori di computer da parte dei clienti è "Perché il mio notebook genera così tanto calore?".
Il calore è una normale conseguenza del funzionamento del computer. La quantità di calore può variare a seconda del modello di computer. Ad esempio, un computer ad elevate prestazioni genera molto più calore di un portatile che offre prestazioni più ridotte. Questo comportamento è normale.
In tipiche condizioni operative, la generazione di calore da parte del computer non dovrebbe essere una causa di preoccupazione. Infatti, la produzione di calore è generalmente un segno che il computer funziona senza problemi e in maniera efficiente. Se il computer non riesce a rilasciare il calore, potrebbe surriscaldarsi e generare problemi.
È normale che un computer ad elevate prestazioni risulti caldo al tatto: questo è dovuto al processore ad elevate prestazioni e alle funzionalità grafiche. Ad esempio, la serie HP ENVY è progettata con più processori ad elevate prestazioni, con schede grafiche avanzate e un robusto telaio in magnesio. Questo fattore di forma resistente trasferisce il calore in modo più efficiente.

Quali sono le parti del computer che generano calore?

Tutti i computer richiedono elettricità per funzionare e alcuni componenti del computer richiedono più elettricità di altri. Poiché l'elettricità passa attraverso i circuiti e attraverso i fili metallici, incontra un livello naturale di resistenza. Questa resistenza, come la frizione di due mani sfregate rapidamente, crea calore. Alcuni componenti, come le spie LED, richiedono solo una piccola quantità di elettricità per funzionare e la loro produzione di calore è trascurabile. Gli altri componenti, ossia la CPU (unità di elaborazione centrale) e la GPU (unità di elaborazione grafica), richiedono molta più elettricità. Inoltre, la quantità di elettricità utilizzata da questi componenti è estremamente variabile, a seconda del tipo e del numero di applicazioni in esecuzione o dei calcoli eseguiti. Queste operazioni possono generare una quantità elevata di calore.
I componenti seguenti generano la maggior parte del calore in un computer:
  • CPU - L'Unità di elaborazione centrale (CPU) gestisce generalmente i processi che non impegnano eccessivamente la grafica, come i calcoli numerici in un foglio di calcolo elettronico o l'elaborazione di testo in un programma di videoscrittura. (Alcuni computer potrebbero utilizzare le CPU per le operazioni di grafica, sebbene con meno efficienza di quelli che hanno una GPU dedicata). Ogni calcolo e istruzione richiedono input elettrici.
  • GPU - L'unità di elaborazione grafica (GPU) generalmente gestisce processi con molti elementi grafici. (Non tutti i computer possiedono una GPU). La grafica, soprattutto il rendering 3D (che si trova, ad esempio, nel software per il disegno industriale e nei videogiochi) spesso richiede diversi tipi di calcoli e istruzioni che in genere possono essere gestiti da una CPU. Le operazioni di grafica sono spesso gestite da un processore grafico dedicato. Come con la CPU, una GPU può gestire miliardi di calcoli e istruzioni al secondo. A seconda del tipo di programma eseguito, la GPU può arrivare a produrre più calore della CPU.
  • Dissipatore di calore - Un dissipatore di calore è un dispositivo di conduzione di calore posizionato sopra una CPU o una GPU per assorbire parte del calore generato. I processori più veloci, così come i processori multi-core, richiedono dissipatori di calore più grandi e più elaborati per mantenere la temperatura sotto livelli accettabili. Quando il calore è assorbito, è disperso in modo controllato, tramite il telaio del computer o verso le ventole di raffreddamento. In molti casi, le ventole sono già integrate nei dissipatori di calore.
  • Unità disco rigido - L'unità disco rigido (HDD) contiene piccoli dischetti che girano mentre le informazioni vengono scritte e mentre altri componenti vi accedono. Quando l'attività del disco è ridotta, l'unità disco rigido entra in uno stato di sospensione che non richiede molta elettricità. Tuttavia, quando vengono eseguite operazioni impegnative, come la copia di file da o su un disco rigido o da un CD al disco rigido, è necessario un costante flusso di elettricità per mantenere i dischi in funzione e questo genera calore.
  • Unità disco ottica - L'unità disco ottica (ODD) può riprodurre CD e/o DVD. Come un'unità disco rigido, l'unità disco ottica fa girare il disco in modo che i dati possano essere letti e scritti. A differenza dell'unità disco rigido, che utilizza dei magneti per leggere e scrivere i dati, l'unità disco ottica utilizza un laser. Sia la rotazione che il laser richiedono un forte input energetico ed entrambe le azioni possono generare notevole calore.

Rimozione del calore dal computer

Poiché il calore proveniente dai vari componenti hardware si somma, deve essere disperso, in modo che i componenti non si surriscaldino.
Per quanto riguarda un computer desktop, i componenti che generano calore sono contenuti in un telaio di grandi dimensioni che è collocato lontano dall'utente (ad esempio sotto o accanto alla scrivania) e una ventola soffia il calore fuori dai condotti di aerazione nella parte posteriore, quindi l'utente potrebbe non rendersi conto del calore generato. Tuttavia, nel caso di un notebook l'utente nota la generazione di calore perché è fisicamente più vicino a tutti i componenti che generano calore e ai condotti di aerazione.
Tuttavia, questa dispersione di calore non è accidentale. Tutti i prodotti HP sono progettati per offrire sicurezza e comfort all'utente quando sono utilizzati nei normali ambienti di funzionamento. HP verifica completamente la temperatura di superficie dei propri notebook, che rientrano nelle specifiche industriali per quanto riguarda i limiti di temperatura di superficie definiti dallo Standard internazionale per la sicurezza delle apparecchiature informatiche, noto anche come IEC 60950. Informazioni sull'IEC 60950 sono disponibili all'indirizzo www.iec.ch.
Il calore trasferito al telaio del notebook, anche se può essere percepito, non rappresenta un problema di sicurezza. HP prende seriamente in considerazione tutte le potenziali questioni di sicurezza e i motivi di preoccupazione e garantisce un team dedicato che se ne occupa prontamente quando vengono sollevati.
Il calore viene disperso senza problemi dal computer nelle seguenti maniere:
  • Materiale - Il materiale utilizzato per il telaio del computer svolge un ruolo significativo nella dispersione del calore, consentendone il passaggio. I computer dalle prestazioni più ridotte che generano quindi meno calore potrebbero utilizzare materiali meno permeabili al calore, come determinati tipi di plastica. Quando si utilizza uno di questi computer si potrebbe non notare la fuoriuscita di calore. I computer che offrono prestazioni più elevate, d'altra parte, potrebbero utilizzare materiali estremamente permeabili al calore, come determinati polimeri o metalli. Questi materiali sono utilizzati per aiutare a disperdere il calore generato. Quando si eseguono compiti che richiedono un utilizzo intenso del processore su uno di questi computer, è probabile che si noti la fuoriuscita del calore.
  • Design - Anche il formato e la forma del telaio di un computer, non solo il tipo di materiale utilizzato, influiscono sul modo in cui il calore viene disperso. Dentro il telaio di un notebook la quantità di spazio libero è molto ridotta. Le ventole devono far scorrere l'aria fresca attraverso i componenti che generano calore e attraverso canali progettati con cura. Poiché i computer diventano sempre più sottili e piccoli, sono necessari telai sempre più ridotti in grado di gestire il passaggio dell'aria e la dispersione del calore. Generalmente, un computer che offre prestazioni maggiori avrà bisogno di più spazio per la dispersione del calore, rispetto a un modello dalle prestazioni più ridotte. Un computer ad elevate prestazioni troppo piccolo non può disperdere in modo efficace il calore che genera o avere abbastanza spazio per i dissipatori di calore e le ventole di cui ha bisogno.
  • Ventole - Le ventole introducono aria fredda dall'esterno del telaio e la soffiano sopra i componenti che generano calore all'interno. Più calore viene generato dal computer, più veloci devono girare le ventole per muovere la quantità d'aria richiesta per aiutare a disperdere il calore. Gli utenti a volte lamentano che la ventola è più rumorosa in notebook dalle prestazioni elevate rispetto ad altri modelli.
  • Condotti di aerazione - Il flusso d'aria dentro e fuori dal computer è fondamentale per la dispersione del calore dai vari componenti hardware. Il posizionamento strategico dei condotti di aerazione nel telaio può far aumentare il passaggio di aria fresca attraverso il dispositivo. Un computer dalle prestazioni più elevate può avere più condotti di aerazione del corrispondente computer con prestazioni ridotte.

Quali sono le attività che generano calore?

Come spiegato, i due componenti che generano la maggior parte del calore in un computer sono la CPU e la GPU. Tuttavia, il tipo di attività eseguita dall'utente condiziona la quantità di calore generato o disperso in qualunque momento.
Le attività comuni che possono generare calore sono:
  • Esecuzione di videogiochi
  • Esecuzione della manutenzione del sistema
  • Copia o masterizzazione di un disco
  • Copia e incolla di molti file o file di grandi dimensioni
  • Download o caricamento di file da o su una rete
  • Visione di un film
  • Esecuzione in streaming di film o musica da Internet
  • Rendering di dati video o audio
  • Esecuzione contemporanea di più programmi che fanno un uso intensivo del processore
  • Utilizzo del computer come server
  • Condivisione di file tra più computer
Il riscaldamento del computer può essere dovuto all'ambiente fisico in cui il computer si trova e anche alle condizioni meteorologiche locali (ad esempio un'elevata umidità).

Gestione del calore in un computer

Il riscaldamento di base del computer è determinato dalle specifiche dell'hardware e da come viene utilizzato il computer. Se si è infastiditi dall'emissione di calore dal proprio computer, è possibile eseguire alcune operazioni per cercare di ridurre leggermente tale calore.
  • Sbloccare i condotti di aerazione - Il blocco involontario dei condotti di aerazione premendoli contro un muro o il posizionamento del notebook in uno spazio chiuso può causarne il riscaldamento fino a temperature molto elevate, poiché non è possibile scaricare l'aria calda che si sviluppa all'interno. Se si sbloccano le ventole, la temperatura del computer potrebbe aumentare.
  • Collocare il computer su una superficie adatta - Non appoggiare il notebook su una superficie morbida, come un cuscino o le proprie gambe senza alcuna protezione. I materiali morbidi e l'abbigliamento possono bloccare involontariamente i condotti di aerazione o evitare la disperdere del calore dal telaio come previsto. Posizionare sempre il notebook su una superficie rigida, come una scrivania o un vassoio rigido che consente il passaggio di aria attorno al computer.
  • Cambiare l'ambiente in cui si utilizza il computer - Se si utilizza il computer in un ambiente caldo e umido, spostarlo in un posto più fresco e asciutto. Ad esempio, l'utilizzo di un computer in una stanza priva di condizionatore in una zona tropicale o subtropicale può causare la produzione di ulteriore calore. Spostare il computer in un ambiente con aria condizionata per mantenerlo fresco e al tempo stesso ridurre parte dell'umidità nell'aria.
  • Eliminare la polvere - È normale, con il passare del tempo, che la polvere si accumuli nel computer. Come con i condotti di aerazione bloccati, la polvere all'interno del computer può ostacolare il passaggio dell'aria e compromettere la dispersione del calore. Utilizzare aria compressa per eliminare la polvere accumulata dai condotti di aerazione. Molti rivenditori di computer vendono barattoli di aria compressa, progettati specificamente per l'utilizzo con i computer.
  • Regolare le opzioni di risparmio energia del computer - Sia Windows 7 che Windows Vista hanno a disposizione opzioni di gestione dell'alimentazione che consentono di impostare il livello delle prestazioni del computer. Prestazioni più elevate richiedono maggiore elettricità, che, di conseguenza, crea maggiore calore. È possibile ridurre le prestazioni del computer per ridurre i requisiti di alimentazione che potrebbero far diminuire leggermente la fuoriuscita di calore.
  • Regolare le prestazioni della CPU e della GPU - Molti produttori di CPU e GPU mettono a disposizione strumenti che possono essere scaricati dai loro siti Web per regolare le prestazioni del processore. Ridurre le impostazioni delle prestazioni della CPU e della GPU potrebbe far diminuire la quantità di calore generato.
  • Utilizzare un impianto di raffreddamento - Vi sono molti tipi di impianti di raffreddamento per i computer ad elevate prestazioni. Ad esempio, sono disponibili per l'acquisto vassoi per notebook sollevati con impianti di raffreddamento meccanici o liquidi. Non smontare mai un computer HP per installare un impianto di raffreddamento alternativo. Questo potrebbe compromettere la copertura della garanzia e avere risultati anomali che potrebbero causare danni irreparabili al computer.
  • Smettere di utilizzare contemporaneamente più applicazioni che fanno un uso intensivo del processore - Se l'uscita di calore è realmente un motivo di preoccupazione, è possibile ridurre i requisiti di alimentazione utilizzando solo un'applicazione che richiede un uso intensivo del processore alla volta.
  • Utilizzare HP Support Assistant per rimanere aggiornati - Per aiutare a migliorare le prestazioni, HP suggerisce di scaricare ed eseguire HP Support Assistant per verificare e installare la versione più recente del BIOS e del software di sistema. HP aggiorna periodicamente i driver delle periferiche critici e le funzionalità BIOS che possono influire sul riscaldamento del computer. Eseguire HP Support Assistant frequentemente per assicurarsi che al computer non manchino aggiornamenti importanti che potrebbero compromettere la quantità di calore generato dal computer. Se si sceglie di non utilizzare HP Support Assistant, è possibile andare alla pagina di download Supporto e driver HP per installare manualmente gli aggiornamenti.
Una volta che ci si abitua al calore specifico del proprio computer, se si nota che il computer inizia a generare più calore del normale o inizia a comportarsi in modo irregolare quando si surriscalda, spegnerlo subito e contattare l'assistenza HP.
  Avvertenza:
I notebook HP sono ottimizzati in base agli standard di sicurezza internazionali, compresi i problemi legati al calore e l'utilizzo di parti mantenute e controllate da HP. La rimozione di determinato hardware da un computer HP e la sua sostituzione con parti non prodotte da HP potrebbero causare un surriscaldamento del computer.

hp-feedback-input-portlet

Azioni
Caricamento...

hp-feedback-banner-portlet

Azioni
Caricamento...

hp-country-locator-portlet

Azioni
Caricamento...
Paese/area geografica: Flag Italia

hp-detect-load-my-device-portlet

Azioni
Caricamento...